martedì, novembre 21, 2006

L'orso bruno non riesce a dormire

da AteneOnLine



Nella regione si registrano temperature sopra la media
L'orso bruno non riesce a dormire


In Siberia fa troppo caldo



Gli animali non vogliono andare in
letargo a causa del clima che sembra primaverile. Così prolungano la
loro veglia cibandosi e aspettando la taiga ricoperta di neve. Paura
per gli abitanti delle fattorie e i cacciatori dela zona





 Inverno
in bianco per gli orsi bruni della Siberia. E sì, perché quest’anno gli
orsi non hanno proprio voglia di andare a dormire e prolungano la loro
veglia. Di andare in letargo, infatti, non se ne parla: fa troppo caldo
e sono svegli in piena attività. Altro che voglia di dormire e di
riposo. Passeggiano e giocano nelle vasta taiga cibandosi e aspettando
la neve.




Alcuni cacciatori li hanno avvistati nella regione di Kermovo a
3500 chilometri da Mosca. La spiegazione scientifica c’è. L’inverno
tarda a venire e i poveri animali si ritrovano al sole con una
temperatura che segna +12. Un paesaggio che sfiora la primavera. Denti
di leone e lamponi al posto di distese bianche e temperatura media di
meno 20 gradi. E dov’è il paesaggio invernale? Gli orsi reclamano il
loro diritto al riposo. E invece sono costretti a vagare nella taiga
aspettando che cada il gelo. Come se non bastasse, sono anche tenuti
sotto sorveglianza dagli osservatori che controllano tutto il
territorio abitato. Gli abitanti delle fattorie e i cacciatori del
luogo, infatti, si spaventano e hanno richiesto un controllo serrato in
tutto il territorio. Poveri orsi, non hanno neanche un po’ di privacy.





Marzia Latina (21 nov 2006)





giovedì, novembre 16, 2006

Molto ma molto ma molto bene





Marine ammette stupro di 14enne irachena - Corriere della Sera

Barker davati alla corte marziale Usa. Eviterà l'esecuzione

Marine ammette stupro di 14enne irachena

La confessione del soldato Usa: violenza sessuale su una ragazzina e l'omicidio di tutta la sua famiglia



Un soldato americano ha ammesso di avere stuprato una ragazzina irachena di 14 anni e di avere ucciso lei e tutti i membri della sua famiglia. James Barker, riferisce la Bbc online, ha ammesso le proprie colpe all'inizio del processo marziale a suo carico in corso negli Usa. L'ammissione di colpevolezza permetterà all'imputato di evitare la pena capitale.



PROCESSO - Barker è uno dei quattro soldati Usa accusati dell'omicidio. Tutti i sospetti appartengono alla Seconda Brigata di Elite della 101esima Divisione Aerea. L'avvocato di Barker, David Sheldon, ha spiegato che il suo assistito ha deciso di collaborare con la Corte e di testimoniare contro gli altri sospettati. I tre imputati che dovranno rispondere di stupro e omicidio sono Jesse Spielman. Paul Cortez e Bryan Howard.

16 novembre 2006

mercoledì, novembre 15, 2006

Lola, la nuova star di Hollywood ma è una diva a quattro zampe

E c'è chi ancora crede nel capitalismo...



Lola, la nuova star di Hollywood ma è una diva a quattro zampe - Spettacoli Cultura - Repubblica.it



vabè...



Lola, la nuova star di Hollywood
ma è una diva a quattro zampe

A Diana da A.

venerdì, novembre 10, 2006

mercoledì, novembre 08, 2006

Ehm...